Cos’è il  PANCAFIT®?

Pancafit® riequilibra la tua postura: agendo sulle tensioni muscolari ogni volta che si usa.
Con Pancafit® il corpo assume una posizione e un atteggiamento immediatamente più corretto… vi sentirete più diritti.
Pancafit® agisce positivamente sulle seguenti patologie: cervicalgie, ernie discali, formicolii, tendiniti, periartriti, tunnel carpale, lombosciatalgie, lombalgie (mal di schiena).
Pancafit® è una particolare panca costituita da due piani d’appoggio regolabili per diversi gradi di angolazione il cui utilizzo consente di agire sul corretto e bilanciato assetto posturale di tutto il corpo.
Lo fa applicando, in particolare, i principi originari che caratterizzano il Metodo Mézières nel rispetto delle catene muscolari (o meglio delle catene neuro-muscolari) e traendo ispirazione anche dalle tecniche corporee del Feldenkrais e Bertherat caratterizzandosi, così, come tecnica posturale ad approccio globale.

 

Quali sono i benefici di Pancafit®?

risolvere i problemi di schiena con pancafit®Migliorando la postura e la condizione fisica grazie alla sua azione sulle tensioni e sulle rigidità muscolari, riesce per tal ragione anche ad agire positivamente, in modo indiretto, nei confronti delle seguenti patologie:
lombalgie (mal di schiena), lombosciatalgie, dorsalgie, cervicalgie, cefalee miotensive, pubalgie, tunnel carpale, artrosi cervicale, artrosi lombare, coxartrosi (artrosi dell’anca), gonartrosi (artrosi del ginocchio), processi artrosici alla colonna, ipercifosi, iperlordosi, scoliosi, alluce valgo, tendiniti, borsiti, radicoliti, epicondiliti, periartriti, ipotonia muscolare, fibromialgie, stasi venosa e linfatica, parestesie (formicolii), ernie discali, protrusioni discali, ernie jatali.


Inoltre, con questo metodo si agisce su tutti quegli apparati che hanno relazioni con la postura:

articolazione temporo-mandibolare e denti, occhi e funzione visiva, sistema cutaneo e cicatrici reattive, sistema podalico e patologie del piede.

Perché funziona Pancafit®?

  • Perché riallunga i muscoli tesi o retratti attraverso un lavoro simmetrico e globale. Riesce a rilassare ed allungare quei muscoli (responsabili di vari disturbi) che non si è mai riusciti a coinvolgere fino ad ora.
  • Perché ogni volta che si usa Pancafit® il corpo assume una posizione ed un atteggiamento immediatamente più corretto; ci si sente decisamente più diritti e alti.
  • Perché, allentando le tensioni muscolari, le articolazioni saranno meno bloccate e quindi più libere di muoversi senza problemi.
  • Perché ogni esercizio fatto su Pancafit® coinvolge inevitabilmente anche il diaframma, migliorando e sbloccando così la respirazione.
  • Perché, allentando la tensioni di alcuni muscoli usando Pancafit®, anche la circolazione venosa e linfatica ne trarrà benefici.
  • Perché, laddove diminuiscono le tensioni muscolari e gli acciacchi, si instaura una situazione di armonia, di maggior benessere, di voglia di muoversi e di affrontare meglio la vita.

 

Pancafit® - esercizi

Per il suo utilizzo non ci sono limiti di età e neppure controindicazioni.

Può essere di aiuto in tutti i casi:

  • di dolori a causa di posture scorrette;
  • di disagio con la respirazione;
  • di traumi fisici recenti o nel passato ed accusa ripercussioni a livello fisico;
  • di atteggiamenti viziati (nei ragazzi) assunti in seguito al trasporto di zaini pesanti e del lungo tempo trascorso sui banchi di scuola e sui libri;
  • di necessità di allungare una muscolatura troppo rigida o bloccata;
  • per stimolare e migliorare la circolazione venosa e linfatica;
  • per mantenere o recuperare la mobilità articolare indispensabile per la salute del proprio fisico;
  • per sperimentare una tecnica di allungamento globale più completa rispetto allo stretching tradizionale, per ottenere prestazioni sportive sempre migliori.

Pancafit è un attrezzo pratico e leggero, trasportabile, su cui si possono applicare oltre 500 posture.

Cos’è il Metodo Raggi®?

Il Metodo Raggi® è una metodica ad approccio “globale”. Si tratta di un metodo che prende in esame la persona nel suo insieme, osservando attentamente la postura ed ogni segnale che il corpo evidenzia oppure che ha nascosto in modo “intelligente” o subdolo.
Si ricercano i traumi fisici passati, le cicatrici, gli interventi chirurgici, le malocclusioni, i modi scorretti di usare il corpo, le situazioni emotive che hanno lasciato un segno profondo, le componenti genetiche, le interazioni di carattere biochimico-alimentare, l’aspetto culturale, etc., per poter poi intervenire in modo mirato.
Questa metodica (utilizzata in modo completo solo ed esclusivamente dai professionisti diplomati da Posturalmed), tenendo conto di ogni elemento sopra citato, va ad agire sulla parte fisica della persona grazie all’utilizzo di Pancafit®, un attrezzo che agendo sulle catene muscolari, fasciali e connettivali permette l’allungamento muscolare globale decompensato; nel contempo si agisce anche in direzione dello sblocco del diaframma attraverso tecniche respiratorie particolari, arrivando in questo modo ad agire indirettamente anche sulla componente emozionale.
è proprio tale azione che consente alle articolazioni bloccate e doloranti (a causa di muscoli tesi e retratti), di venir sbloccate e rese quindi mobili e funzionali.
In questo modo moltissimi dolori e patologie osteomuscolari ottengono grandi benefici o addirittura scompaiono: cervicalgie, dorsalgie, lombalgie, lombosciatalgie, tendiniti, borsiti, pubalgie, radicoliti, epicondiliti, tunnel carpale, periartriti, fibromialgie, protrusioni discali, ernie discali, ernie jatali, processi artrosici alla colonna, coxartrosi, gonartrosi; grande efficacia si ottiene agendo sulle ipercifosi, iperlordosi, scoliosi.
In conclusione questo metodo e Pancafit® agiscono su tutte quelle patologie che sono essenzialmente causate da retrazioni muscolari, dunque da iperpressioni endoarticolari.
Il Metodo Raggi® e Pancafit® agiscono sulle retrazioni muscolari, che altro non sono se non un processo di “fibrotizzazione” della componente fibrotica connettivale e della componente fasciale, le quali imprigionano i sarcomeri (unità contrattile del muscolo).
Tale “fissità” o “intrappolamento muscolare” avviene sempre nella direzione del muscolo in chiusura, ossia in direzione del raccorciamento, determinando nel tempo una condizione di accorciamento muscolare che risulta irreversibile, a meno che non si ricorra all’ausilio di una tecnica ad azione globale decompensatoria.
Tale condizione, detta “retrazione”, ha il potere di rendere rigide e prigioniere le articolazioni e dunque l’intero corpo in un complesso sistema di “catene muscolari, fasciali e connettivali” che sono in grado di causare tutte le patologie sopra descritte.

Come agisce il Metodo Raggi®?

Con questo metodo e Pancafit® si agisce sulle catene muscolari, fasciali, connettivali e neurologiche che sono sempre tese, retratte o programmate secondo schemi alterati. Questo metodo agisce direttamente su moltissime componenti fisiche della persona. Dopo aver fatto una attenta e scrupolosa analisi della persona, si eseguono una serie di test posturali a scopo investigativo.
Tutti i dati che emergono concorrono alla formulazione di una ipotesi il cui scopo è di scoprire la causa primaria che sta alla base della patologia e, attraverso una mirata strategia e posture specifiche, agire sulle varie catene muscolari/fasciali/connettivali/neurologiche che mantengono il corpo imprigionato e soffocato nel dolore, nella rigidità o nelle inabilità.
Parte della strategia è sempre una particolare attenzione al ripristino del corretto movimento del diaframma (che si trova sempre molto teso e bloccato).
Quando la tecnica dell’allungamento muscolare globale decompensato e la respirazione diaframmatica vengono applicate in modo assolutamente rigoroso, le reazioni del corpo non tardano ad emergere; è come se le cellule del corpo cominciassero a ricordare i vecchi traumi, i vecchi dolori rimasti incistati nei meandri dei tessuti e della mente che ora si trova disposta a ricordare traumi che aveva apparentemente dimenticato. Questo riaffiorare di ricordi mentali e disagi fisici momentanei, costituiscono il cosiddetto “percorso a ritroso” per arrivare a liberare muscoli ed articolazione definitivamente. Ed ecco recuperata la salute e la voglia di muoversi, di fare, di vivere.

 

Richiedi informazioni sul corso

Per migliorare la vostra navigazione usiamo i cookies, continuando ne consentite l'utilizzo. Ulteriori informazioni qui.